Verbania, una delle undici isole sul Lago Maggiore

Verbania

Verbania sul Lago Maggiore:

il Lago Maggiore è una di quelle meraviglie dell’Italia del nord da non perdere per nulla al mondo.

Per dirla tutta un pezzo di bel paese, cioè alcune province piemontesi e lombarde, condividono questa bellezza naturale con la Svizzera, più precisamente con il Canton Ticino.

Verbania, capoluogo della provincia del Verbano-Cusio-Ossola in Piemonte, si trova sulla sponda occidentale del lago ed è in assoluto tra i luoghi da visitare se ci si reca nella zona del Lago Maggiore.

Questa città, grazie anche alla sua splendida posizione sul lago, risulta una meta ricca di interessi, adatta sia a chi ama il contatto con la natura sia a chi predilige l’arte e la storia.

 

Verbania: storia e territorio

Verbania è una città particolare che sorge al centro del Lago Maggiore, su di un promontorio a forma di triangolo.

Clima e territorio sono influenzati dalla presenza del lago e questo la rende una città molto ricca dal punto di vista naturalistico.

È curioso scoprire come il suo legame con il Lago Maggiore sia davvero indissolubile.

Verbania fu istituita come comune nel 1939 dalla fusione di due comuni (Intra e Pallanza) e il suo nome deriva proprio dal Lago Maggiore.

Difatti quest’ultimo è detto anche Verbano.

Nel corso della seconda guerra mondiale è stata teatro di eccidi e infatti nella città sono stati eretti il Parco della Memoria e della Pace e la Casa della Resistenza.

Anche lo stemma, simbolo della città, ha subito modifiche nel tempo.

Pur mantenendo da sempre l’aquila al centro, nel periodo del regime fascista conteneva anche simboli legati al fascismo, eliminati poi proprio con la fine della seconda guerra mondiale.

Verbania ha anche un legame particolare con la prima guerra mondiale, anche se ancora questo comune non esisteva come tale.

Difatti il generale Luigi Cadorna, che guidò l’esercito italiano durante la prima guerra mondiale, nacque nel 1850 a Pallanza, uno dei due comuni che, meno di cento anni dopo, ha dato vita al comune di Verbania.

Visitando questa città è possibile apprezzarne l’arte e l’architettura ma è soprattutto stimata da un punto di vista naturalistico.

Verbania è definita infatti il “giardino sul lago”.

Verbania
Lago Maggiore: Verbania

Verbania: cosa vedere

I luoghi di interesse architettonico a Verbania sono sia religiosi che civili.

Tra le architetture religiose più importanti ci sono

  • l’Oratorio di San Remigio
  • e la Chiesa di madonna di Campagna,

dichiarati monumenti nazionali.

Anche la Basilica di San Vittore è un capolavoro da non perdere, soprattutto perché situata nel centro storico della città.

La si considera la chiesa principale proprio perché San Vittore è il patrono di Verbania.

Per un turista può essere interessante partecipare alla festa in onore del patrono, che si tiene l’otto Maggio di ogni anno, per prendere parte alla celebrazione che si conclude con una suggestiva cerimonia della benedizione del lago.

Tra le architetture civili invece, diversi sono i luoghi che meritano una visita.

Il Palazzo di Città, ottocentesco, insieme a Villa Giulia e Villa San Remigio sono siti architettonici di spicco a Verbania.

Le due architetture civili però, considerate l’eccellenza di questa città, sono il Palazzo Viani-Dugnani e Villa Taranto.

Il Palazzo Viani-Dugnani è cinquecentesco e sede del Museo storico e artistico del Verbano e del Paesaggio.

Villa Taranto è famosa per i suoi giardini botanici realizzati dal capitano scozzese Neil McEacharn.

Questi giardini comprendono circa mille diversi esemplari di piante e circa ventimila varietà e specie considerate di grande interesse dal punto di vista botanico e naturalistico.

 

Verbania: alla scoperta del Lago Maggiore

Visitare Verbania vuole anche dire obbligatoriamente dedicare del tempo a scoprire le bellezze del Lago Maggiore che sembra essere un tutt’uno con la città.

Esplorare il Lago Maggiore non è interessante esclusivamente da un punto di vista naturale.

Anche la sua storia merita di essere conosciuta da tutti quei turisti che si avventurano in questi magnifici luoghi.

Verbania

Cosa Vedere

L’origine del Lago Maggiore è in parte glaciale e i reperti che gli studiosi hanno rinvenuto ci raccontano che, successivamente alla creazione vera e propria del lago, la zona fu abitata da un gruppo di nomadi.

In passato diverse popolazioni, come ad esempio i Liguri od i Galli, hanno stanziato per alcuni periodi sul territorio lacustre.

Bisognerà attendere il periodo medioevale per vedere rinascere le città sul lago, con la creazione di borghi e castelli.

I Della Torre, i Visconti, la casa regnante degli Asburgo, i Besozzi e i Sessa sono tra le più importanti famiglie legate per moltissimo tempo proprio alla zona del Lago Maggiore.

Le popolazioni e gli avvenimenti storici che hanno visto in qualche modo protagonista questo lago, hanno fatto sì che fosse lasciato qui un patrimonio artistico e architettonico tra i più belli.

Nella zona del Lago Maggiore si possono visitare moltissimi castelli.

Tra i più importanti ci sono

  • i Castelli di Cannero, nella provincia di Verbania,
  • il Castello Visconteo di Locarno, nella zona del Canton Ticino
  • e la Rocca Borromea di Angera, incorniciata dalle Prealpi lombarde.

 

Ville e musei

Le ville costruite nel tempo attorno al lago sono moltissime e tutte splendidi capolavori.

Nella zona di Verbania e della sua provincia ce ne sono diverse fra le più rinomate.

Abbiamo già nominato Villa Giulia, Villa San Remigio e Villa Taranto ma sono di spicco anche

  • Villa Treves che ospitò D’Annunzio e Verga
  • e Villa Rusconi-Clerici che ospitò molti artisti e famiglie aristocratiche

e nella quale fu di passaggio anche il generale Cadorna.

Tra i musei sono di particolare interesse i Musei del Monte Verità nel Canton Ticino e il Museo dei Trasporti Ogliari che si trova a Varese, sulla sponda lombarda del lago.

La maggior parte degli altri musei che vale la pena visitare sono situati nella provincia di Verbania-Cusio-Ossola.

Ci sono, ad esempio, il Museo dell’Arte del cappello a Ghiffa e il Museo del Paesaggio sito proprio a Verbania.

Altri luoghi di interesse sono il Sacro Monte di Ghiffa nel verbanese o l’Astrovia di Locarno nella zona del Canton Ticino.

Visitare il Lago Maggiore, in particolare nell’area della provincia di Verbania, vuol dire anche poter conoscere le molte isole presenti nel lago e scoprire la ricchezza naturalistica e paesaggistica del luogo.

Verbania

Le isole

Delle undici isole del Lago Maggiore solo due sono site nella zona del Canton Ticino, una nell’area lombarda e ben otto nell’area piemontese.

Nella zona fra Stresa e Verbania si trovano le più importanti isole piemontesi del lago, l’arcipelago delle Isole Borromee.

Le isole Borromee sono l’isola Madre ( la più estesa) e l’isola Bella che ospitano entrambe

  • un Palazzo Borromeo,
  • l’isola dei Pescatori,
  • l’isolino di San Giovanni e
  • l’isolotto della Malghera.

 

Di fronte alla località svizzera di Brissago ci sono l’isola di San Pancrazio e quella di Sant’Apollinare.

L’isolino di Partegora è l’unico in territorio lombardo.

 

Flora, fauna e giardini

Il Lago Maggiore offre risorse naturali e giardini splendidi.

Nel lago vivono molti pesci e quindi siamo in presenza di una fauna ricca e variegata.

Si trovano due tipi di coregoni, l’agone, il pesce persico, il luccio, le anguille e molti altri.

Ma il Lago Maggiore non è ospitale solo per i pesci che vivono nelle sue acque.

Questa zona ospita diverse specie di uccelli acquatici nidificanti ed è luogo di sosta di molte migrazioni.

Si possono vedere quindi il cigno reale, i gabbiani, i cormorani, le anatre ed altri volatili.

Sulle colline circostanti il bacino lacustre, la vegetazione spontanea è composta da tassi, agrifogli e castagni.

Il clima sul lago e il tipo di terreno danno modo ai turisti di apprezzare una più vasta flora.

Crescono infatti limoni, ulivi e alloro.

Anche le cosiddette acidofile trovano accoglienza sul lago infatti è possibile ammirare camelie, azalee, rododendri e magnolie.

Queste piante sono le regine dei giardini che si possono apprezzare attorno al Lago Maggiore.

Nella provincia di Verbania sono moltissimi i giardini che meritano una visita.

Un meraviglioso esempio è il parco di Villa Bernocchi ma stupendi sono anche quello di Villa Fedora e quello zoologico di Villa Pallavicino.

Nell’area lombarda troviamo il parco di Villa De Angeli Frua, in provincia di Varese.

Nella zona del Canton Ticino invece merita una visita il parco delle Camelie, sito nel comune svizzero di Locarno.

Tante altre sono le riserve naturalistiche e le zone paesaggistiche rilevanti, soprattutto nell’area piemontese del lago.

Certamente, recandovi in questi luoghi, non sarà carente il contatto con la natura incorniciato da borghi e città magnifiche come Verbania.

Verbania

Vacanze a Verbania e sul Lago Maggiore: un’avventura immersi tra arte e natura

Verbania e, più in generale, le cittadine che costeggiano il Lago Maggiore soprattutto dell’area piemontese, hanno il giusto mix di ingredienti per trascorrere dei giorni in famiglia con i bambini, per organizzare un weekend romantico ma anche avventuroso.

L’architettura e la storia di questi luoghi completano in maniera perfetta il meraviglioso paesaggio.

Le passeggiate, in particolare sul Lago, all’alba o al tramonto hanno un fascino unico.

I giardini, i musei, i castelli, come anche gli stessi piccoli borghi che offrono queste ricchezze, sono luoghi indimenticabili, soprattutto perché si armonizzano perfettamente al vero protagonista di un viaggio in questa zona, ovvero il Lago Maggiore.

Verbania, nella sua bellezza, è senz’altro rappresentativa di questa armonia tra arte e natura.

 

Possibile scegliere, per un momento indimenticabile, il Lago Maggiore o una diversa splendida alternativa…  Per confrontare le migliori idee, consulta il nostro Blog Turismo.