Bologna: crocevia italiano, tra curiosità e architettura

Bologna

Bologna, capoluogo dell’Emilia Romagna, è una città dai mille volti e per questo si è meritata nel tempo un gran numero di soprannomi:

  • La Dotta, perché in questa città è nata l’Alma mater studiorum, l’università più antica dell’Occidente
  • La Turrita, perché un tempo era sormontata da più di cento torri, delle quali 24 si ergono ancora sui tetti della città
  • La Rossa, per il caratteristico colore delle case
  • La Grassa, per l’enorme quantità di prodotti tipici della sua gastronomia.

Ma è anche città d’arte, di cultura, di musica.

Bologna

Cosa vedere a Bologna

A Bologna, a differenza di molte altre bellissime città italiane, i palazzi e le opere architettoniche sono perfettamente integrati nella struttura della città.

Tra le principali caratteristiche, quella che più spicca all’occhio è una rete di portici che si estende per oltre 40 km.

 

Bologna

Piazza Maggiore

Il centro della città, salotto di Bologna, è la bellissima Piazza Maggiore.

La piazza, lunga 115 metri e larga 60, ospita i più begli edifici di età medievale:

  • Il Palazzo d’Accursio, edificio duecentesco oggi sede del Comune di Bologna; che contiene un numero enorme di opere d’arte di ogni tipo. Per gli appassionati di storia, nella Biblioteca Salaborsa sono contenuti reperti archeologici di varie epoche.
  • Il Palazzo del Podestà, sopra il quale si erge la Torre dell’Arengo.
  • La Basilica di San Petronio, edificio gotico e incompleto; è la quarta chiesa più grande d’Italia e vi fu incoronato imperatore Carlo V.
  • Il Palazzo dei Banchi, che era sede di lavoro dei banchieri e dei cambiavalute; e il suo portico Pavaglione, il più famoso della città, che prende il nome dalla fiera dei bachi da seta che vi si svolgeva.

Tutti gli anni, a luglio, la piazza diventa sede dell’evento “Sotto le stelle del cinema”, organizzato dal Comune e dalla Cineteca di Bologna.

La piazza è il principale punto di ritrovo dei bolognesi, giovani e meno giovani.

Bologna

Fontana del Nettuno

In Piazza del Nettuno, adiacente a Piazza Maggiore, si erge la famosa Fontana del Nettuno.

A causa delle imponenti dimensioni della statua che raffigura il dio del mare, la fontana è chiamata dai bolognesi “Il Gigante”.

Voluta da Pio IV, la fontana rappresenta il potere della Chiesa sulla città ed è stata grande fonte di ispirazione: ne esistono molte copie in giro per il mondo e dal tridente della fontana è nato il logo di Maserati.

Bologna

Palazzo dell’Archiginnasio

Sede dell’Università fino al 1800, è un insieme d’arte di ogni tipo:

  • araldi,
  • affreschi,
  • manoscritti antichi.

Al suo interno, meritano una menzione

  • la Sala dello Stabat Mater, dove fu eseguita per la prima volta l’opera omonima di Rossini;
  • e il Teatro Anatomico:

la sala, a forma di anfiteatro, fu costruita interamente in legno d’abete e veniva usata per le lezioni di anatomia.

 

Basilica di Santo Stefano: le Sette Chiese

Questa Basilica, in realtà, è un complesso di edifici noto come le Sette Chiese che, si dice, fu ideato dal vescovo Petronio.

Il complesso comprende:

  • La Chiesa del Crocifisso
  • La Basilica del Sepolcro
  • La Basilica di San Vitale e Sant’Agricola, la più antica del complesso
  • Il Cortile di Pilato, luogo pieno di simboli della Passione di Cristo, tra cui il Gallo di San Pietro
  • La Chiesa della Trinità, che contiene il più antico presepe del mondo, interamente in legno
  • Il chiostro medievale
  • Il Museo di Santo Stefano, che contiene oggetti di culto, reliquiari e opere che prima si trovavano nelle chiese del complesso.
Bologna
Bologna Asinelli

Torre Garisenda e Torre degli Asinelli

Sono le due torri simbolo della città e si trovano in Piazza di Porta Ravegnana.

La prima è alta 47 metri, la seconda addirittura 97; salendo 498 scalini, si raggiunge la terrazza panoramica da cui si può ammirare l’intera città e restare completamente senza fiato.

 

Basilica di San Domenico

La Basilica, nello stile povero tipico degli ordini mendicanti, fu costruita l’anno della morte del santo.

Al suo interno sono custodite le reliquie di San Domenico e l’organo su cui studiò Mozart durante i suoi anni in città.

Bologna

Casa del Carducci

È la casa in cui il poeta Giosuè Carducci visse per 17 anni.

Si trova all’interno del villino del Piombo e nel suo giardino c’è un grande monumento in marmo di Carrara dedicata al poeta.

Il piano inferiore ospita il Museo Civico del Risorgimento; quello superiore invece è dedicato alle memorie di Carducci.

 

Finestra di Via Piella

Niente a che fare con l’arte, la storia e la cultura, ma in via Piella c’è uno degli scorci più suggestivi della città.

Lungo la via c’è una finestrella rossa che, una volta aperta, mostra il Canale delle Moline che scorre tra le case.

Le chiese, i palazzi, i monumenti e i musei della città sono talmente numerosi che sarebbe impossibile elencarli tutti; basta passeggiare per la città e i suoi portici per scoprire le innumerevoli bellezze che Bologna offre.

Bologna

Cosa mangiare

Come già accennato, Bologna è ricca di piatti tipici.

Da provare sono assolutamente i salumi e i formaggi (come lo squaquerone), accompagnati dalle tigelle o dall’ottimo gnocco fritto.

Ci sono poi i primi:

  • il ragù alla bolognese (rigorosamente con le tagliatelle),
  • i tortellini
  • e la gramigna con la salsiccia.

Meglio accompagnare il tutto con gli ottimi vini locali!

Se si vuol gustare un pranzo suggestivo, meglio recarsi al Mercato di Mezzo: qui è possibile sia fare la spesa sia gustare le prelibatezze locali tra i banchi del mercato.

  • Arte,
  • cultura,
  • buon cibo

insomma Bologna è una città davvero per tutti i gusti!

Bologna

Che aspettate a scoprire qual è il volto della città che preferite?

Altre notizie su Bologna, e proposte differenti per le vostre vacanze, potete trovarle nel Blog Turismo